Tay K: Il ragazzo dai grandi numeri

SoundCloud, sparatorie e latitanza: oggi raccontiamo la storia storia di Tay K, uno dei prospect più promettenti degli ultimi anni.

1563957360297.png
Tay K accanto al manifesto da ricercato con la sua faccia, 2016

Taymore McIntyre, meglio conosciuto come Tay K, è un rapper americano classe 2000 nato in California e cresciuto in Texas che ha acquistato notorietà in tutto il Paese e successivamente nel mondo intero prima per la sua vita spericolata che per la sua musica.

La carriera di Taymore inizia attorno al 2014, quando faceva parte del gruppo “Daytona Boyz”, con i quali esordisce su SoundCloud. Per il suo primo singolo invece bisogna aspettare metà 2015 e proprio grazie a quest’ultimo il suo nome inizia a farsi conoscere tra i personaggi più importanti della sua città. Fino a qui però il suo percorso artistico risulta abbastanza lineare e con buoni risultati, ma non ancora abbastanza per fare quel salto di qualità che tutti i ragazzi al giorno d’oggi sognano.

Fuori dal mondo del rap tuttavia il ragazzo non passava una vita tranquilla: già nel 2015 infatti, all’età di soli 15 anni, su di lui ricadeva l’accusa di concorso nell’omicidio di una giovane ragazza, accusa poi caduta poi in seguito alla confessione di un suo amico, nonché compagno di gruppo, sul quale ricadde tutta la colpa. Come se non bastasse, la polizia sospettava che il giovane fosse coinvolto con la gang dei “Crips” e di tutti i traffici illeciti in cui essi erano coinvolti (come racket, spaccio, traffico di armi).

Il punto di svolta nella vita di Tay K arrivò solo l’anno dopo quando, insieme ad altri sei amici, venne condannato nel 2016 con l’accusa di omicidio. Secondo le ricostruzioni il gruppo di ragazzi si sarebbe intrufolato nell’abitazione di un giovane spacciatore per derubarlo della merce, ma l’uomo si difese e venne in seguito ucciso a colpi di arma da fuoco. Di conseguenza, Taymore venne messo ai domiciliari in attesa di un processo.

tayk1

Ma, come è facile intuire, la vita ai domiciliari non faceva per il ragazzo che, senza pensarci molto, scappò iniziando un periodo di latitanza durato circa tre mesi verso il New Jersey. In questo lasso di tempo però non si può dire che stette con le mani in mano: la sua fedina penale si macchiò ancora, quando derubò e uccise un fotografo nel parcheggio di un fast food e successivamente aggredì un anziano per rubargli il portafoglio. Dopo ben tre mesi di latitanza annunciò, sul suo account Twitter, l’uscita di un brano “The Race”, la sua stessa gara con i federali che lo inseguivano (in americano con il termine “the race” si intende proprio la fuga dalla polizia). Lo stesso giorno della pubblicazione il giovane rapper texano fu però trovato e arrestato dagli agenti, ed è proprio qui che i “numeri” del ragazzo cominciarono a salire. La sua storia aveva già fatto il giro del Paese e, dopo la cattura, il suo pezzo iniziò ad essere streammato in tutto il mondo raggiungendo in poco tempo più di 150 milioni di views su YouTube (attualmente sui 210Mln) e il disco di platino, numeri pressoché impossibili per un sedicenne indipendente. In più, molti artisti influenti del calibro di Lil yachty, Fetty, Tyga e21 Savage si sono interessati all’accaduto lanciando un vero e proprio movimento sul web sotto l’hashtag #FREETAYK concedendo anche dei remix del suo più pezzo più celebre.

L’altro grande “numero” che troviamo nella vita di Taymore, a malincuore, sono gli anni che dovrà passare dietro le sbarre. Infatti, dopo l’arresto, pur essendo scampato al pericolo della pena di morte il ragazzo è stato condannato a 55 anni di carcere e sicuramente dovrà scontarne almeno la metà prima di avere diritto alla libertà vigilata.

Attualmente il rapper sta scontando la sua pena e nonostante ciò i suoi progetti vengono tutt’ora ascoltati in tutto il mondo, tanto che nel 2018 Tay K venne anche inserito nella “XXL Freshman list”

Speriamo di vedere il giovane Tay fuori con nuova musica dato il suo enorme talento, magari maturato visto il passare di tutti questi anni e disposto a ridimensionare la sua visione di vita quotidiana.

-Vivocomefosselultimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sconto del 5%
T'ha detto male!
Sconto del 5%
Sei un grande, ma hai perso!
Sconto del 10%
Sei un grande, ma hai perso!
Sconto del 20%
T'ha detto male!
T'ha detto male!
Sconto del 50%
Sconto del 5%
T'ha detto male!
Gira la ruota chicco!
Inserisci la tua migliore email e prova a svoltà lo SCONTO!
 Regole:
  • Un gioco per utente
  • Gli imbroglioni saranno squalificati.

NUOVO DROP

Santa
Claus

DOESN'T EXIST

CODICE SCONTO:

LIMITED20

La nuova felpa Over Ground Santa Claus Doesn’t Exist.

Acquistala in pre-order con il 20% di sconto e la spedizione gratuita!

La promo scade il 13/12/2020 alle 23:59