La Asap Mob spacca e tu non puoi farci niente

Come nasce un collettivo di successo? La storia della Asap Mob fra musica e moda all’ombra dei palazzoni di Harlem.

New York, la Grande Mela. Chi non ha mai sognato di andarla a visitare, o addirittura di andarci a vivere coltivando il proprio sogno americano? Una città multietnica, in cui si può trovare qualsiasi cosa si voglia, partendo da monumenti storici importanti per tutto il Paese fino ad arrivare a spettacoli naturali come il fiume Hudson che sfocia nell’oceano Atlantico. Come tutte le grandi città che si rispettino, però, non esistono solo gli imponenti grattacieli che fungono da centro nevralgico dell’economia, ma anche quartieri periferici degradati, i quali spesso e volentieri hanno dato luce a figure di spicco della società odierna, in quanto presente in loro quella voglia di rivalsa. Basti pensare a star del cinema come Woody Allen o grandi atleti che hanno avuto a che fare con le questioni razziali e ancora oggi in lotta contro di esse come Kareem Abdul-Jabbar o figure nel panorama hip hop che hanno segnato vere e proprie epoche al pari del Wu-Tang, dei Mobb Deep, di 50 Cent o Jay-Z.

Proprio in quest’ultima categoria un collettivo in particolare, tra i molteplici che in tempi più recenti rispetto ai sopracitati hanno dato un nuovo volto alla città di New York, merita una riflessione: la “Asap Mob”. Questa crew, il quale acronimo va ad incorporare più significati ma generalmente sta ad indicare “Always Strive and Prosper”, viene fondata da Asap Bari, Yams e Illz intorno al 2006 ad Harlem, raggruppando sotto di essa non solo cantanti, ma anche producers, video directors e fashion designers, uniti dal sogno comune di riportare la Grande Mela in alto insieme.

Nei primi anni non furono molto attivi, o meglio cosi sembrava dall’esterno, in quanto preferirono rimanere nell’ombra studiando il da farsi e decidendo il momento migliore per uscire definitvamente allo scoperto.

Solo qualche anno più tardi, con nuovi innesti all’interno del roster tra cui Asap Rocky e Asap Ferg, il collettivo mosse i suoi primi passi “ufficiali” sia sotto l’aspetto musicale sia ripagando le aspettative che si erano formate ne tempo. Rilasciarono due veri e propri capolavori che andarono virali in tutto il mondo, ovvero i video musicali di “Peso” e “Purple Swag”, i primi prodotti sotto il marchio Asap Mob. Non si dovette aspettare molto prima di un loro altro movimento, in quanto da lì a poco il loro astro nascente Asap Rocky pubblicò il suo mixtape, “Live. Love. Asap”, che fece fare al gruppo di Harlem un importante salto di qualità.


Il vero punto di partenza riguardante la musica del collettivo però lo si ha solo con la pubblicazione del primo mixtape collettivo LORDS NEVER WORRY, un progetto ricco di collaborazioni e che incorona la Asap Mob come un vero punto di riferimento all’interno del panorama hip hop contemporaneo. Successivamente alla scomparsa del membro fondatore Asap Yams arriva il primo album dell’intera crew dedicata alla perdita dell’amico COZY TAPES VOL. 1: FRIENDS a cui seguì COZY TAPES VOL. 2: TOO COZY. In tempi più recenti è stato confermato un terzo progetto che andrà a formare una trilogia con i primi due pubblicati in precedenza.

Oltre alle loro carriere soliste e dell’intero gruppo gli artisti del collettivo newyorkese si sono cimentati negli anni nel campo della moda andando a formare dei veri e propri marchi conosciuti in tutto il mondo tra cui Vlone. Questo brand, nato da un’idea di Asap Bari e Asap Rocky, il cui nome sta per “Vivi da solo, muori da solo”, non viene collocato da loro stessi sotto il comune termine streetwear, ma bensì come un marchio “lifestyle”, in cui il loro quartiere natale, Harlem, rappresenta la prima ispirazione per tutti i capi da loro ideati. Al giorno d’oggi questo brand è tra i più diffusi, riscontrando molto successo anche tra i colleghi dei loro ideatori i quali, in più occasioni, hanno espresso un forte apprezzamento verso quest’ultimo.

Musica, riscatto sociale, cultura hip hop e anche moda: troviamo tutto questo all’interno della Asap Mob e possiamo dire che al giorno d’oggi sia una delle più influenti tra gli innumerevoli collettivi che si possono trovare nella scena. Le loro azioni sicuramente saranno un punto di partenza e di ispirazione per le generazioni future o più in generale per tutto quello che verrà dopo, magari un po’ come hanno fatto già i loro predecessori.

– Vivocomefossel’ultimo

Over Ground shop, il tuo negozio preferito di Streetwear a Roma , si trova a Roma in via Massaciuccoli 79. Trattiamo streetwear made in Italy, ecco alcuni brand che puoi trovare da noi: Iuter, Propaganda, Octopus , Doomsday, Bohemien, Usual ed altri.
Felpe Octopus, felpe Doomsday, felpe Usual ma anche t shirt Bohemien, t shirt Iuter , t shirt streetwear di brand indipendenti, collaborazioni speciali ed accessori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *